Rassegna Stampa Fiscale

Agevolazioni fiscali per i titolari di redditi da pensione di fonte estera che si trasferiscono in Italia

26 Novembre 2020 | Ugo Cacaci

L’articolo 24-ter del Tuir prevede un nuovo regime di imposizione sostitutiva dell’Irpef per le persone fisiche titolari di redditi da pensione di fonte estera. Al fine di attrarre nei Comuni del Mezzogiorno soggetti titolari di capitali e risorse finanziarie da investire nel nostro Paese, il legislatore ha previsto che gli individui che trasferiscono in Italia la propria residenza, in uno dei comuni nelle regioni Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia, con popolazione non superiore a 20 mila abitanti, o nei Comuni con popolazione non superiore a 3mila abitanti rientranti nelle zone colpite dal sisma del 2016 e del 2017, possono optare per l’assoggettamento dei redditi prodotti all’estero all’imposta sostitutiva, con aliquota del 7%, da applicarsi per dieci anni. continua a leggere

Rinvio delle rate della pace fiscale: la mappa degli 1,2 milioni di contribuenti

26 Novembre 2020 | Il Sole 24 Ore - Marco Mobili e Giovanni Parente - Pag. 2

Con il decreto Ristori-quater oltre 1,2 milioni di contribuenti dovrebbero godere della sospensione del pagamento delle rate di saldo e stralcio e rottamazione-ter, in scadenza il 10 dicembre. Nell’ennesimo decreto Ristori l’Esecutivo mette a disposizione 5 miliardi di euro per il rinvio delle tasse di fine anno. Un rinvio che in realtà vale 950 milioni in quanto, in base ai dati dell’Ader, il valore nominale degli importi complessivamente dovuti per le rate della pace fiscale sarebbe 1,6 miliardi ma l’importo scende per effetto di coloro che non pagheranno le rate in scadenza il 10 dicembre in quanto già decaduti o non intenzionati o impossibilitati a farlo. In pratica il decreto Rilancio e i decreti anti-crisi hanno fatto slittare a dicembre quattro rate della rottamazione-ter e due del saldo e stralcio. La seconda ondata della pandemia certamente non aiuta ma il direttore delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, in audizione alla Camera, ha evidenziato il rischio di un ‘effetto accumulo’ di appuntamenti da cui non sarà facile scappare.

Ristori da 1,6 miliardi a 312mila partite Iva

26 Novembre 2020 | Il Sole 24 Ore - M.Mo. e G.Tr. - Pag. 2

Il rischio-stop agli impianti sciistici complica i conti del decreto Ristori-quater. Le riunioni si susseguono ma la strada appare tracciata. ‘I ristori saranno coerenti con le misure restrittive’ ha detto ieri il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Il tetto complessivo delle risorse a disposizione ammonta a 8 miliardi, gli stessi per i quali oggi il Parlamento voterà lo scostamento di bilancio. Il Governo è intenzionato a varare il decreto Ristori-quater entro la serata di venerdì ma il rischio slittamento è dietro l’angolo. Elemento centrale del pacchetto di misure è lo slittamento degli adempimenti fiscali di fine anno che interesserà tutte le partite Iva e le imprese fino a 50 milioni di fatturato che hanno subìto perdite rilevanti. Il criterio è ancora in discussione, M5S e Italia Viva spingono per la soglia del 33%. Intanto i dati del Ristori 1 dicono che sono stati inviati 311.971 bonifici per un importo complessivo di 1.558 miliardi. Il 64% dei quali al settore della ristorazione.

Sugar e plastic tax al 1°luglio Potenziati i poteri di controllo

26 Novembre 2020 | Il Sole 24 Ore - Benedetto Santacroce ed Ettore Sbandi - Pag. 32

Il Ddl di Bilancio interviene su sugar e plastic tax differendone l’entrata in vigore al 1°luglio 2021. Le modalità di attuazione delle due nuove imposte preoccupano gli operatori economici per i rischi futuri. Alcune modifiche ai due tributi rendono più chiaro i soggetti obbligati, prevedono termini trimestrali per le dichiarazioni e i versamenti dell’imposta e alleggeriscono lievemente il carico sanzionatorio in caso di mancati pagamenti. Contemporaneamente, tuttavia, sono potenziati i controlli dell’amministrazione e, soprattutto, si conferma l’inclusione dei semilavorati nel novero impositivo della plastic tax. Da più parti era stato chiesto di espungere i semilavorati dal perimetro impositivo ma il Ddl di Bilancio 2021 li mantiene aggiungendo che sono tali anche le preforme. L’auspicio è che i decreti attuativi non arrivino in tarda primavera, a ridosso dall’entrata in vigore.

Garanzia Sace estesa alle operazioni di refinancing

26 Novembre 2020 | Il Sole 24 Ore - Paolo Rinaldi - Pag. 32

La legge di Bilancio in discussione interviene su Garanzia Italia di Sace superandone un limite evidente che le conferiva meno appeal rispetto a quella offerta dal Fondo centrale di garanzia all’art. 13 del Dl 23/2020. Oggi Sace può erogare esclusivamente nuova finanza, essendo vietato che le somme erogate e oggetto di garanzia vadano a riduzione di esposizioni esistenti. Le PMI, invece, possono godere della garanzia Mcc anche sui finanziamenti erogati per rifinanziare esposizioni preesistenti. Il gap di servizio tra Sace e Mcc ora viene colmato: dal 1°gennaio 2021 Sace potrà garantire anche le operazioni di refinancing, ovvero i finanziamenti destinati – anche – al rimborso di finanziamenti preesistenti, nell’ambito di operazioni di rinegoziazione e/o consolido del debito accordato in essere dell’impresa beneficiaria.

I commercialisti: proroga di 30 giorni dei termini per gli studi in quarantena

26 Novembre 2020 | Il Sole 24 Ore - Federica Micardi - Pag. 32

Il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani non ci sta e parla di una inaccettabile situazione di disparità di trattamento patita dai professionisti. Fa discutere e molto la risposta dell’Agenzia delle Entrate all’Istituto nazionale dei tributaristi (Int) secondo cui lo studio professionale chiuso per pandemia non può appellarsi alla causa di forza maggiore e quindi non può giustificare il ritardo negli adempimenti fiscali e contributivi. Miani insiste affinché le proposte presentate in Parlamento per risolvere questo problema vengano approvate quanto prima. Il Cndcec, lo scorso 12 novembre, ha chiesto a due senatori di promuovere un emendamento al decreto Ristori che prevede la sospensione per 30 giorni dei termini per gli adempimenti tributari, previdenziali e assistenziali, e per tutti gli atti curati dal professionista che scadono nei 30 giorni successivi all’inizio della malattia da Covid-19 o di una quarantena. (Ved. anche Italia Oggi: ‘Commercialisti in protesta per la quarantena senza tutele’ – pag. 26)

Il recesso del socio non consuma le riserve in sospensione

26 Novembre 2020 | Il Sole 24 Ore - Giorgio Gavelli - Pag. 33

La riserva di rivalutazione in sospensione d’imposta non viene necessariamente ‘consumata’ in caso di recesso del socio e può rimanere a patrimonio netto; la differenza da recesso, calcolata senza considerare tale riserva, costituisce un costo deducibile per la società ai fini Irpef ma non ai fini Irap. È di sicuro interesse questa risposta a interpello resa nei giorni scorsi dalla Dre Lombardia, in particolare ora che, per effetto dell’articolo 110 del Dl 104/2020, moltissimi sodalizi stanno pensando a rivalutare le immobilizzazioni presenti in bilancio. Il caso rappresentato è quello di una Sas in contabilità ordinaria, dotata di un patrimonio netto con scarsa dote di capitale, pochi utili distribuiti e una rilevante riserva in sospensione d’imposta risultante da passate rivalutazioni di beni immobili. Un socio intende esercitare il diritto di recesso e la valutazione della sua quota al valore corrente è di gran lunga superiore alla sua quota di capitale e di utili non distribuiti.

Ctr Lombardia caldeggia le udienze orali

26 Novembre 2020 | Il Sole 24 Ore - Massimo Romeno - Pag. 33

Con il decreto 1348/2020 dello scorso 23 novembre la Ctr Lombardia caldeggia l’oralità nel processo tributario. La pronuncia interviene nel dibattito che si è aperto tra tutti gli operatori del diritto tributario rispetto alle disposizioni contenute nel decreto ‘Ristori’ (Dl 137/2020) che offre anche alla giustizia tributaria uno strumento alternativo all’udienza ‘cartolare’ per consentire lo svolgimento dei processi anche in questo periodo di emergenza sanitaria. L’articolo 27 al primo comma consente ai presidenti di ogni commissione di autorizzare lo svolgimento della trattazione, anche parzialmente, con collegamento da remoto o, qualora questo non fosse possibile, di sostituire l’udienza pubblica con la presentazione di note scritte e conclusive ad opera delle parti: condicio sine qua non per entrambe le procedure la presentazione/reiterazione della richiesta di discussione pubblica ad opera delle parti.

Noleggio, banca dati ancora incompleta e pagamenti rinviati

26 Novembre 2020 | Il Sole 24 Ore - Maurizio Caprino - Pag. 36

Noleggio a lungo termine: i pagamenti del bollo auto restano nel caos. Non sono bastati dieci mesi di proroga e una riforma ormai vecchia di cinque anni. La proroga è scaduta lo scorso 31 ottobre e le Regioni non sono state capaci di dividersi il gettito in base al luogo di residenza dell’utilizzatore, come previsto dallo scorso 1°gennaio. Quindi, i pagamenti che da quest’anno di fatto competono al cliente e non più al noleggiatore, restano bloccati. Anche altri nodi restano irrisolti come la durata del contratto di noleggio. Ad introdurre le novità nella legge 99/2009 era stato il decreto fiscale dello scorso anno, ossia il Dl 124/2019, che era intervenuto per limitare gli effetti dello spostamento delle sedi dei noleggiatori nelle Province autonome di Trento e Bolzano. Il decreto ha disposto che il gettito va alla Regione in cui risiede il cliente. La banca dati del Pra ancora incompleta obbliga il rinvio dei pagamenti.

Professionisti con un ristoro

26 Novembre 2020 | Italia Oggi - Cristina Bartelli - Pag. 26

I tecnici del Mef lavorano alacremente affinché il decreto legge Ristori-quater possa essere approvato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale entro domenica. Il testo contiene proroghe e sospensioni fiscali. Mini rinvio al 10 dicembre per l’invio delle dichiarazioni dei redditi in scadenza al 30 novembre. Il pacchetto di aiuti non dimentica questa volta i professionisti. Intanto oggi il Parlamento voterà lo scostamento di bilancio per 8 miliardi di euro che costituisce l’ossatura sulla quale poggiano le sospensioni fiscali del Ristori-quater. In merito alle sospensioni di acconti di novembre e scadenze fiscali di dicembre (Iva) e rate della rottamazione-ter la linea prevalente è quella che prevede l’applicazione di un criterio unico per individuare i beneficiari. Sarebbero i soggetti che hanno avuto un calo del fatturato del 33% prendendo come riferimento il calo sull’arco di sei mesi.

La web tax italiana alla cassa

26 Novembre 2020 | Italia Oggi - Andrea Porcarelli - Pag. 29

Entro il 16 febbraio sono attesi i primi versamenti per la web tax all’italiana prevista dalla legge di Bilancio 2020. Entro il 31 marzo dovrà avvenire, invece, la presentazione della dichiarazione annuale dell’ammontare dei servizi tassabili. Il gettito atteso ammonta a 708 milioni di euro all’anno. I soggetti passivi dell’imposta sono anche tenuti, sin dal periodo d’imposta 2020, ad un’apposita contabilità per rilevare mensilmente le informazioni sui ricavi dei servizi imponibili, così come gli elementi quantitativi utilizzati per calcolare l’imposta dovuta. In sintesi la Digital service tax (Dst) si applica sui ricavi generati in Italia per: a)la veicolazione su un’interfaccia digitale di pubblicità mirata agli utenti della medesima interfaccia; b)messa a disposizione di un’interfaccia digitale multilaterale che consenta agli utenti di essere in contatto e interagire tra loro e di facilitare la fornitura diretta di beni e servizi; c)trasmissione di dati raccolti da utenti e generati dall’utilizzo di un’interfaccia digitale.

Superbonus volano energetico

26 Novembre 2020 | Italia Oggi - Giovanni Galli - Pag. 30

Il Superbonus al 110% può essere uno strumento utile per svecchiare gli immobili in Italia e contribuire al rilancio del settore. I dati dicono che sono oltre 12 milioni gli edifici con più di 40 anni. È quanto emerso, ieri, nel corso della presentazione del terzo Osservatorio sul mercato immobiliare 2020 di Nomisma. Con la riqualificazione energetica sono molti i benefici a cominciare dalla rivalutazione degli immobili e dai risparmi in bolletta. Secondo Marco Marcatili, responsabile sviluppo di Nomisma sono 12,5 milioni le famiglie interessate al Superbonus. Intesa Sanpaolo ha già attivato la propria rete per acquistare il credito d’imposta sia da privati che da aziende. Ad oggi sono 22mila le richieste in piattaforma, di cui 7mila privati e 5mila imprese. I progetti caricati in piattaforma valgono oltre 1 miliardo di euro. L’auspicio è che arrivi una proroga e una correzione affinché la maxi detrazione sia estesa al patrimonio immobiliare del turismo.

Il fisco non tira i remi in barca

26 Novembre 2020 | Italia Oggi - Franco Ricca - Pag. 31

Sulla nautica da diporto si rafforza la sorveglianza del fisco. Il Ddl di Bilancio 2021 introduce per l’Iva una procedura di controllo simile a quella sugli acquisti degli esportatori abituali. L’utilizzazione di imbarcazioni da diporto oggetto di contratti di noleggio e locazione a lungo termine, al di fuori della Ue, circostanza quest’ultima che implica la non applicazione dell’Iva sulle predette prestazioni, deve essere dimostrata attraverso mezzi di prova individuati dall’Agenzia delle Entrate. Se il committente intende ottenere dal fornitore la non applicazione dell’Iva in ragione dell’impiego dell’imbarcazione in territorio extracomunitario, dovrà compilare un’apposita dichiarazione e trasmetterla alle Entrate, specificando la percentuale di utilizzo territorialmente rilevante. Nel caso di indicazione di una percentuale determinata in via presuntiva, sarà necessario verificare la situazione alla fine dell’anno solare ed eventualmente trasmettere una dichiarazione integrativa entro il primo mese dell’anno successivo.

Quadro RW, controlli sulla compilazione al via

26 Novembre 2020 | Italia Oggi - Fabrizio Vedana - Pag. 31

Scattano i controlli sulla corretta compilazione del quadro RW. L’Agenzia delle Entrate vuole verificare se gli investimenti e le attività estere di natura finanziaria del contribuente siano stati correttamente indicati ai fini del monitoraggio fiscale e/o dell’eventuale determinazione dell’Ivafe. Il sospetto dell’Amministrazione finanziaria che l’ha indotta a recapitare specifici questionari nel cassetto fiscale di molti italiani è quello che i redditi percepiti a titolo di interessi, dividendi e altri proventi in relazione alle attività detenute all’estero non siano stati inseriti nei corrispondenti quadri dichiarativi. Spetterà al contribuente accertare se l’anomalia segnalata dal fisco è riconducibile ad un errore od omissioni della sua dichiarazione dei redditi. Con il ravvedimento operoso sarà possibile correggere errori od omissioni eventualmente riscontrate, presentando una dichiarazione integrativa e versando le maggiori imposte dovute.

Il fallimento non legittima il ruolo straordinario

26 Novembre 2020 | Italia Oggi - Federico Marrucci e Maurizio Naseddu - Pag. 31

Il fallimento del contribuente non legittima l’iscrizione a ruolo straordinario del credito erariale. La Commissione tributaria provinciale di Lucca, con la sentenza 261/2020, ha stabilito che è illegittima la cartella esattoriale basata su un’iscrizione a ruolo straordinario, nei casi di fallimento del contribuente. I giudici lucchesi hanno accolto il ricorso del contribuente in quanto l’ufficio non può iscrivere a ruolo, in virtù di una sentenza di fallimento del contribuente. L’Amministrazione finanziaria può adottare il ruolo straordinario nel caso di ‘avviso di accertamento anche se non definitivo’ ma è necessario che l’atto amministrativo sia efficace. Nel processo in parola l’accertamento era stato annullato dai giudici della Ctp, per cui l’iscrizione a ruolo era sprovvista di un titolo legittimante.

Le rassegne e il calendario fiscale sono un prodotto Metaping - Servizi per Commercialisti, Avvocati e Ordini Professionali

Le rassegne e il calendario fiscale sono un prodotto Metaping - Servizi per Commercialisti, Avvocati e Ordini Professionali